Giovedì, 14 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'ESECUTIVO

Pensioni, quota 100 resta e arrivano mini rivalutazioni per quelle da 1.500 a 2.000 euro

La manovra per l’anno prossimo porterà pochissime modifiche sul fronte della previdenza. Resta invariata, secondo l’annuncio del premier, Giuseppe Conte, la possibilità di andare in pensione con Quota 100 (almeno 62 anni di età e 38 di contributi) mentre arriva una mini rivalutazione per le pensioni tra i 1.500 e i 2.000 euro.

Per Quota 100 quindi tramonta l’ipotesi di introdurre finestre di uscita più lunghe delle attuali (ora sono di tre mesi per i lavoratori privati e di sei mesi per i pubblici una volta raggiunti i requisiti anagrafici e contributivi) anche se lo stop al cambiamento è arrivato dopo un braccio di ferro nella maggioranza con Italia Viva che considerava giusta l’abolizione e i Cinquestelle che difendevano la misura.

E se sulla previdenza non si drenano risorse (a parte i risparmi rispetto alle stime calcolati dall’Inps per l’anno prossimo in due miliardi), si mette molto poco rispetto alle richieste dei sindacati. Rispetto alle richieste di aumento del potere d’acquisto degli assegni anche con un ampliamento della Quattordicesima, il Governo si è detto disponibile a introdurre la rivalutazione piena rispetto all’inflazione, oltre a quella attuale per gli assegni pensionistici fino a 1.522 lordi al mese, anche per quelli da 1.522 fino a 2.029 euro al mese (quattro volte il minimo).

Ma i sindacati parlano di una «presa in giro» dato che questi pensionati hanno già una rivalutazione al 97% dell’inflazione. In pratica, sostengono, ci sarebbe un aumento di circa 50 centesimi di euro al mese, pari a poco più di 6 euro all’anno per 2,5 milioni di pensionati. «Sono cifre irrisorie - ha detto il segretario generale dello Spi-Cgil, Ivan Pedretti - è offensivo. Si rafforzano le ragioni per la manifestazione del 16 novembre».

L’indicizzazione per gli assegni più alti dovrebbe rimanere come quella attuale con il 77% dell’inflazione recuperata per i trattamenti pensionistici da 2.029 a 2.537 euro al mese lordi, il 52% per quelli tra i 2.537 e i 3.044 euro, il 45% tra i 3.044 e i 4.059, il 45% per quelli tra 4.059 e i 4.566 euro e il 40% per quelli oltre i 4.569 euro al mese. Poiché l’inflazione è bassa il passaggio dell’indicizzazione tra il 97% e il 100% vale pochi centesimi (se il tasso di inflazione non dovesse cambiare si passerebbe da un recupero dall’1,067 all’1,1%).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook