Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Musica

Home Cultura Musica Sanremo, i Giovani saranno... tre! Stasera la "finalina" (senza Elisa, positiva al Covid)
25 BIG

Sanremo, i Giovani saranno... tre! Stasera la "finalina" (senza Elisa, positiva al Covid)

Un'altra novità annunciata da Amadeus, al suo ultimo Festival. I Maneskin? Porte spalancate per loro. E il caso Jalisse? "Meglio lavorare che lamentarsi"

«Prima ho pensato ai Big, ora è la volta dei Giovani, poi mi dedicherò allo show». Amadeus, nel doppio ruolo di presentatore e direttore artistico di Sanremo per la terza volta consecutiva, è nel pieno del turbinio festivaliero. Questa sera su Rai1, infatti, va in onda la serata finale di Sanremo Giovani dal Casinò della cittadina ligure, con tre e non più due artisti che vedranno aprirsi le porte dell’Ariston per un posto in prima fila assieme agli altri 22 Big già resi noti nei giorni scorsi (che saranno in studio – tutti, tranne Elisa positiva al covid – a presentare i loro brani), e tra un mese e mezzo (il 1 febbraio, per cinque sere) il festival prenderà il via, anche se molte tessere devono ancora andare al loro posto.

La leggerezza, Fiorello e il triplete

«Non mi preoccupa, non sto pensando a qualcosa di diverso da quello che è successo negli ultimi due anni. La leggerezza ci sarà: appartiene al mio modo di fare spettacolo», spiega Ama che sollecitato sulla presenza di Fiorello ancora una volta non si sbilancia: «È stato fondamentale in queste due edizioni: oltre ad essere un amico fraterno è un grande showman. Mi auguro che ci sia anche quest’anno. Ma abbiamo una specie di accordo: non si parla mai di Sanremo se non 20 giorni prima». Di una cosa il presentatore sembra essere sicuro: «Il mio ultimo Sanremo? Non lo dico più, ma sarà così. Tre è il numero perfetto e da interista il triplete mi piace...».

Anche su ospiti e superospiti per ora non si sbilancia

«Molti che potevano essere superospiti ce li ho in gara. I Maneskin? Per le loro le porte sono spalancate. Con la loro vittoria abbiamo rivoluzionato il festival. L’edizione dell’anno passerà alla storia per il covid, ma anche per la rivoluzione musicale che si è consumata. In poco tempo sono diventati la band più amata al mondo: li cercano ovunque. Ed è questo che deve fare Sanremo: guardare all’attualità». Il direttore artistico si toglie anche un sassolino dalla scarpa, dopo le polemiche sollevate dai Jalisse, per la 25/a esclusione dal festival in 25 anni: «Io valuto la canzone e non ritenevo la loro adatta al mio festival. La lamentela non rende merito alla storia di un cantante. Bisogna lavorare sodo e non pensare sempre che ci sia un complotto: lavora e magari le cose potranno andare meglio».

I giovani? "Due erano troppo pochi, tutto il podio al Festival"

I giovani, si diceva, sui quali Amadeus ha puntato e continua a puntare: anche nella scelta, annunciata a sorpresa, di portare il numero dei Big in gara da 24 a 25, dando un’opportunità in più a uno dei 12 ragazzi di Sanremo Giovani (il voto sarà per il 50% espresso da Amadeus e per il 50% dalla Commissione musicale del festival). «Due erano troppo pochi, quindi porto tutto il podio al festival. Hanno le carte in regola per giocarsela con gli artisti più conosciuti». Rivendica anche la validità della scelta di eliminare le Nuove Proposte: «Si dice sempre di dare spazio ai giovani, ma poi non se li fila nessuno. È come se nel calcio un giocatore della primavera andasse a giocare in prima squadra davanti a 50mila persone. Faranno bella figura».

A contendersi i tre pass sono: Bais (Che fine mi fai), Martina Beltrami (Parlo di te), Destro (Agosto in piena estate), Esseho (Arianna), Oli? (Smalto e tinta), Matteo Romano (Testa e croce), Samia (Fammi respirare), Senza_Cri (A me), Tananai (Esagerata), Vittoria (California), Yuman (Mille notti), Littamè (Cazzo avete da guardare).
E di «dare serialità a Sanremo Giovani, auspicando anche una sorta di officina o di accademia» ha parlato il vicedirettore di Rai1 Claudio Fasulo: «La Rai in quanto servizio pubblico dovrebbe costruire una struttura permanente a servizio della giovane musica italiana».

Sponsor che va, mercato che viene

Dalla Rai tranquillità anche sul piano della raccolta pubblicitaria, dopo l’uscita come sponsor unico di Tim. «La società sta vivendo un momento particolare e la scelta di non essere più sponsor è comprensibile. Questo ha acceso l’interesse del mercato – ha detto il direttore di Rai1 Stefano Coletta – siamo molto fiduciosi. Insieme a Rai Pubblicità guardiamo con molta solidità a fare un buon risultato sul piano degli sponsor e degli investimenti. A breve sarà definito il panel».

L'ombra del Covid, il pubblico in Teatro, il palco esterno

L’unica ombra che si allunga sul festival, al momento, è quella del Covid, con i contagi in aumento. «Rispetto a marzo scorso vaccini e Green pass ci possono salvare. Non auguro a nessuno un festival spettrale come l’ultimo. Abbiamo anche idee per tornare al palco esterno», spiega Ama che aggiunge: «Se dovesse accadere che un artista risulti positivo durante il festival, come successo già l’anno scorso per Irama, non sarà squalificato ma andrà in onda il video delle prove». Non è stato ancora messo a punto il protocollo, ma sembra probabile, come già è per la serata di oggi, che oltre al Green pass per l’accesso in teatro sarà necessario anche il tampone.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook