Giovedì, 14 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Sanremo, Rovazzi fa ballare l'Ariston e ricorda il padre scomparso

Si autodefinisce "distruttore artistico" del Festival, poi debutta all'Ariston come ospite con'Andiamo a comandare': dopo aver condotto Sanremo Giovani insieme a Pippo Baudo, Fabio Rovazzi 'profana' il palco ed assiste alle dimissioni ironiche del direttore d'orchestra che dice di avere toccato il punto più basso della sua carriera.

"Troppo ignorante?", si chiede poi Rovazzi. Prova allora a recitare il testo delle altre sue hit, da 'Tutto molto interessante' a 'Volare', facendone un mash-up, accompagnato da un violinista, prima di lanciarsi in una scatenata versione dell'ultimo tormentone 'Faccio quello che voglio' con la complicità vocale di Claudio Baglioni e l'incursione a sorpresa di Fausto Leali.

Infine un momento serio e commovente: un saluto al padre, che non vede da un po' di anni.

"Caro Papà... - dice - Non so come contattarti ma Sanremo ha uno share così alto che molto probabilmente arriva fino a lassù. Beh volevo dirti che, in parte, tutto questo è anche colpa tua. E volevo salutarti, visto che l'ultima volta non ho fatto in
tempo", conclude.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook