Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
A QUARGNENTO

Cascina esplosa ad Alessandria, indagini su eventuali complici del proprietario

Proseguono le indagini sull'esplosione nel cascinale a Quargnento (Alessandria) nella notte tra il 4 e 5 novembre, in cui hanno perso la vita i vigili del fuoco Antonino Candido, Matteo Gastaldo e Marco Triches.

Il lavoro di investigatori e inquirenti è soprattutto diretto ad accertare le responsabilità eventuali di altri oltre a Giovanni Vincenti, l’imprenditore, proprietario dell’immobile (intestato alla moglie), e reo confesso, in carcere dalle prime ore della mattina di sabato 9 novembre.

Chi indaga cerca di appurare se Vincenti è stato aiuto da qualcuno nel compiere l’attentato, soprattutto nelle prime fase dell’azione delittuosa. Indagata, a piede libero, per gli stessi reati - omicidio volontario plurimo, disastro doloso e lesioni - la moglie Antonella, ex collaboratrice di una società del gas.

Da definire il profilo del figlio Stefano, che vive a Torino. Tra le macerie della cascina sono state trovate 7 bombole, numero compatibile con quello indicato dallo stesso Vincenti, e anche un secondo timer. Dal Ris di Parma risulterebbe anche un riscontro sulle tracce repertate tra le macerie che ricondurrebbe sempre a Vincenti.

Intanto, oggi, il comandante provinciale dei vigili del fuoco Roberto Marchioni ha portato personalmente i ringraziamenti al procuratore capo Enrico Cieri. «Grazie - ha detto - per il grande lavoro che è stato fatto e si continua a fare».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook