Mercoledì, 08 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Foto Sport Zanardi in gravi condizioni dopo un incidente, le immagini del terribile impatto

Zanardi in gravi condizioni dopo un incidente, le immagini del terribile impatto

Diffuse da Radio Siena, ecco le immagini dopo il grave incidente che ha coinvolto Alex Zanardi, in provincia di Siena, durante una delle tappe della staffetta di Obiettivo tricolore. Si tratta di un viaggio che vede tra i partecipanti atleti paralimpici in handbike, bici o carrozzina olimpica.

L’incidente è avvenuto lungo la statale 146 nel comune di Pienza. Zanardi è stato sottoposto ad un delicato intervento neurochirurgico, e al momento le sue condizioni sono gravissime.

«C'è un rettilineo lungo, in una discesa con pendenza al 4%, dicono si sia imbarcato e abbia preso un autotreno sul montante davanti. L’autotreno si è spostato di un metro, ma l’ha preso uguale. Non c'ero, ero staccato. Era una giornata di sole, tutti contenti, eravamo a 20 km da Montalcino. Non ha sbagliato l’autotreno, ha sbagliato Alex, ha imbarcato». Così il ct della Nazionale paralimpica di ciclismo, Mario Valentini, che seguiva la corsa con il mezzo della federazione, ha raccontato a Radio Capital l’incidente nel quale è stato coinvolto Alex Zanardi.

«Sulla salita gli ho fatto vedere l’aranciata, mi ha urlato dammene un po!. Si scherzava, e in discesa andava piano, non era una grande discesa, poi c'era il rettilineo, all’imbocco della curva ha cambiato traiettoria - ha aggiunto -. E ha fatto una manovra azzardata. Ha preso con la leva della pedivella sinistra il montante dove salgono gli autisti, ha girato due-tre volte, il casco non ha retto, gli è saltato. Ce n'è voluto per far arrivare l’elicottero, siamo in mezzo a un bosco e hanno dovuto spostarlo».

«Per mia fortuna non ho visto Alex, perché mi sarei impressionato, non ho tanto coraggio, ma l’ha visto il mio collaboratore e mi ha detto 'incidente bruttissimo'. Ha sbagliato, ha sbagliato Alex, il camion era dall’altra parte», ha poi aggiunto Valentini. «È andato a battere la testa contro il supporto delle ruote di scorta che sorregge la motrice, perché con il freno sinistro ha preso la pedana che gli autisti dei camion usano per salire a bordo del mezzo - le parole del ct -. Ha girato, ha battuto nel ferro ed è tornato nella propria corsia».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook